A tutto FOOD: segui il mio nuovo canale Instagram

Ecco una bella novità per chi mi segue e condivide la mia stessa passione per il cibo, o food per dirla all’inglese. Ho infatti deciso di lanciare un nuovo canale Instagram, solo e completamente dedicato alla mia fotografia a tema culinario.

Per chi non lo sapesse, il Food è uno dei miei soggetti preferiti, dopo la fotografia di strada e persone, e in questo nuovo feed troverete tutte le mie foto fatte durante i miei servizi fotografici in studio, quindi still life, ma anche video e foto fatte durante i miei viaggi, soprattutto nei mercati locali.

Il profilo da seguire è sabinoparente_food e di seguito il link alla mio feed.

https://www.instagram.com/sabinoparente_food/

 

 

 

Seguitemi numerosi! Buon appetito,

Sabino

 

One year with a Leica M: would I make this choice again?

We all know, photographers are never happy and there is no perfect camera out there, because, especially when talking about professional photography, each application requires a different type of camera setup. That’s why it has led me to make a series of reflections that you will read below about the goodness of the choice made exactly a year ago when, due to a strong lack of “Full Frame”, I decided to sell everything about my Fuji kit to make the big and challenging step to the Leica M expensive world.

Why I decided to move to Leica M

It was not a simple choice because I used the Fuji X system for four years and I was completely satisfied. I still think it is one of the best on the market. But there was something missing for me, the full sensor, or full frame. Not only because of the deeper depth and richness of the details, but also because the reduced sensor, APS-C, did not allow me to fully use the vintage lenses that have been adapted, dimming them into their original focal length. So without taking it for long, I bought a Leica M, typ 262, the model without live view and video.

In Thailand, with a Fuji X-E1

In Morocco, with a Fuji X-E2

In Japan, with a Fuji X-T1

In Vietnam, with a Leica M

After exactly one year of intense use, would I make this choice again?

If I had to base my judgment on the first three months, I would doubtless say NO!
I think that for anyone, got used to fully automatic reflex systems, switch to a rangefinder system, it’s almost a self-punishment. In the first months of use I came to hate it, everything seemed unnecessarily difficult and tedious, and the out of focus shots were wasted.

But once fully learnt, when the mutation occurs, first of all, mental than physical, in conceiving differently the way photography is done, well, I started toreally love my Leica M. That’s how I felt more and more comfortable and comfortable and the best results were also achieved. I really enjoyed the discretion and quality of both the body and the final photo, and also the excellent battery life. Moreover, its extraordinary ability to operate in full manual with the zone focus technique. A Copernican revolution for me, which led me to look back and understand what really photography is, its essence, basically built by three simple parameters, aperture, speed and iso, with the final picture built in mind.

Scicli, Sicilia – Leica M with the Sum 28mm, the perfect combo for street photography

Vietnam, Hoi An – Street candid portrait with a Leica M and Elmarit 90mm

Polignano, Italy – Street candid portrait with a Leica M and Sum 28mm

But I was still missing something…

After the period I was totally in love with my camera, in the next six months, I began to feel something was missing… First of all, I did not have the opportunity to adapt the third-party or vintage lenses because of the absence of the live view. Furthermore, I did not have the wi-fi, allowing me to immediately transfer photos to my mobile and then upload them to my social channels or blog. And last, I missed the opportunity to make proper macro-photography, also due to the for the absence of the live view. Cuold I live without those thing? Mmmm… maybe not…

In short, I missed a certain level of versatility, from my camera

I tried using Leica M for commercial jobs such as still life and food as well as landscapes, but the result was not satisfactory because It was not so simple and easy. On the other hand, I got amazing results when I pair the Leica M with the Summicron Asph 28mm f2,, to tell a story or to capture a time of life on the roa, or for pure street reportages,.

Landscapes with a Leica M

Food photography with a Leica M

My conclusions

After a year of use, I realised that the Leica M is the perfect system for street photography. Simply the TOP! It is in this field that Leica M reveals itself as impeccable and fun to use and I really love that.. To date, if I have to go out on the street to capture local life, an event or a street market, I have no doubt, I bring with me the Leica M with the Summicron Asph 28mm f2 or. in case, I alternate with the also great Summicron 50mm f2 to make some candid portraits.

Ma per tutto il resto, credo che sia meglio un sistema più completo, moderno,versatile e automatizzato.

My conclusion is that YES, I would buy again the Leica M,
BUT, pairing it with another pro camera for anything other than street.

So I decided that my perfect combination would be Leica M (maybe the M10) for everything that’s street, event, market, while for all commercial and / or studio shooting, still life products, I have to pair with another camera. For this reason, is already about a month, I’m considering all the possibilities, digging into Leica, Sony Alpha and Canon. Yes, the new Sony Alpha 9 is a possibility, but I feel it more like a trending camera/brand that everyone wants to have because it is cool ….

Leica M typ 262 – Why yes

  • Dimensions and discretion, perfect for street and travel photography
  • High quality of Leica M lenses
  • La bellezza dei piani fuori fuoco Leica. Non so spiegalro, ma la resa è molto piacevole e realistica.
  • The simplicity and usability of the M system
  • Very good battery life (around 600 shots)
  • The richness of the DNG files, easy to manage in Lightroom and rich in information especially in the shadows.
  • In general, the non-devaluation of Leica material. The tranquillity of an investment that can be recovered even after years.

Leica M 262

Leica M typ 262 – Why not

  • No Live View
  • No Wi-Fi
  • No video (not a minus for me, though)
  • Can not adapt third-party lenses
  • Not  possible to do Macro
  • In general, The high cost of the Leica world, any modification or change, that is a lens or a small accessory, costs so much.

That said, here’s how I’ll change my equipment

All these thoughts have brought me to a decision:

I must have two professional cameras dedicated to the two specific areas of photography I work in.

  • Travel e Street Photography: Leica M 262 / upgrade to Leica M10
  • Commercial and Still life (Food):  TBD (Sony Alpha/Canon/Leica?)

Surely there will be news short, but in the waiting, I would like to read some of your advice or experiences

A presto, grazie
Sabino

Un anno con la Leica M: rifarei la scelta?

Lo sappiamo, noi fotografi non siamo mai contenti e non esiste la macchina perfetta, anche perchè, soprattutto quando si fotografa per lavoro, ogni applicazione richiede una tipologia di macchina differente. Questo è il motivo che mi ha portato a fare una serie di riflessioni che leggerete di seguito, in merito alla bontà della scelta fatta esattamente un anno fa quando, a causa a di una forte carenza da “Full Frame”, ho deciso di vendere tutto il mio corredo Fuji per fare il grande e impegnativo passo al mondo Leica M.

Perchè ho deciso di passare alla Leica M

Non è stata una scelta semplice perché utilizzavo il sistema Fuji X da ormai 4 anni e ne ero completamente soddisfatto. Tutt’ora penso sia uno dei migliori sul mercato. Ma mancava qualcosa per me fondamentale, il sensore pieno, o full frame. Non solo per la maggiore profondità e ricchezza di dettagli, ma anche perchè il sensore ridotto, APS-C, non mi permetteva di sfruttare completamente le lenti vintage adattate, snaturandole nella loro lunghezza focale originale. È così, senza portarla per le lunghe, ho acquistato una Leica M, modello 262, senza live view ne video.

In Thailandia, con la Fuji X-E1

In Marocco, con la Fuji X-E2

In Giappone, con la Fuji X-T1

In Vietnam, con la Leica M

Dopo esattamente un anno di utilizzo intenso, rifarei questa scelta?

Se dovessi basare il mio giudizio ai primi tre mesi direi senza dubbio, NO!
Credo che per chiunque, abituato a sistemi reflex completamente automatici, passare ad un sistema a telemetro, tutto manuale, sia quasi un’autopunizione. Nei primi mesi di utilizzo sono arrivato ad odiarla, tutto sembrava inutilmente difficile e macchinoso e i fuori fuoco si sprecavano.

Ma una volta capita, quando avviene la mutazione, prima di tutto mentale poi fisica, nel concepire diversamente il modo di fare fotografia, beh, ho cominciato ad amare la mia Leica M follemente. È così mi sono sentito sempre più sicuro e a mio agio e sono arrivati anche i risultati ottimi. Ne ho apprezzato a pieno la discrezione e la qualità sia del corpo che della fotografia finale, l’ottima durata della batteria, la sua straordinaria capacita di operare in manuale con il fuoco a zonaUna rivoluzione copernicana per me, che mi ha portato a tornare indietro e capire cosa fosse davvero la fotografia, la sua essenza, costruita fondamentalmente da tre semplici parametri, tempo diaframma e iso, e creata nella mente. 

Scicli, Sicilia – Leica M con Sum 28mm, combinazione perfetta nella street photography

Vietnam, Hoi An – Ritratto di strada con Leica M e Elmarit 90mm

Polignano, Italy – Ritratto di strada con Leica M e Sum 28mm

Qualcosa mi è mancato…

Passata la fase di innamoramento totale ecco che, nei sei mesi successivi ho cominciato a notare i primi difetti, le prime mancanze… Prima di tutto, non avevo la possibilità di adattare le lenti di terze parti o vintage, a causa dell’assenza di live view. Mi mancava tanto il wi-fi per trasferire immediatamente le foto sul telefonino e quindi caricarle sui miei canali social o sul blog. Mi é mancata la possibilità di fare macro, sempre per l’assenza del live view.

Insomma, mi é mancata una certa versatilità della camera.

Ho provato ad usare la Leica M per lavori piu’ commerciali come still life e food oltre che paesaggi, ma il risultato non è stato soddisfacente perchè in questi campi ho fatto molta fatica. Al contrario, ho ottenuto risultati strepitosi quando ho utilizzato il Summicron Asph 28mm f2, per raccontare una storia o per catturare un momento di vita per strada.

Paesaggi con la Leica M

Food photography con la Leica M

Conclusioni

Dopo un anno di utilizzo, ho capito che la Leica M è il sistema perfetto e ideale per la street photography. È in questo campo che la Leica M si rivela impeccabile e divertentissima da usare.   Ad oggi, se devo uscire per strada per catturare la vita locale, una festa o un mercato, non ho dubbi, porto con me la Leica M con il Summicron Asph 28mm f2. In caso, lo alterno al Summicron 50mm f2 per realizzare qualche bel ritratto.

Ma per tutto il resto, credo che sia meglio un sistema più completo, moderno,versatile e automatizzato.

La mia conclusione è che SI, comprerei di nuovo la Leica M, MA, affiancandogli un’altro corpo per tutto ciò che non sia street.

Ho deciso dunque che la mia combinazione perfetta sarebbe avere la Leica M (magari la M10) per tutto cio che è reportage di strada, eventi, mercati, street, mentre per tutti gli shooting commerciali e/o in studio, still life di prodotti, dovrei affiancare un’altra macchina ed è da circa un mese che sto valutando tutte le possibilità, tra Leica, Sony Alpha e Canon.

Leica M typ 262 – Perchè si

  • Dimensione e discrezione perfetti per la fotografia di strada e di viaggio
  • Altissima qalità delle lenti Leica
  • La bellezza dei piani fuori fuoco Leica. Non so spiegalro, ma la resa è molto piacevole e realistica.
  • La semplicità di utilizzo del sistema
  • Ottima durata della batteria (circa 600 scatti)
  • La ricchezza dei file DNG, facilmente lavorabili e ricchi di informazioni soprattutto nelle ombre.
  • In generale, la non svalutazione del materiale Leica. Tranquillità di un investimento che puo’ essere recuperato anche a distanza di anni.

Leica M 262

Leica M typ 262 – Perchè no

  • Assenza del Live View
  • Assenza del Wi-Fi
  • Non poter adattare lenti terze
  • Non poter fare Macro
  • In generale, i costi alti del mondo Leica, ogni modifica o cambiamento, che sia una Lente o un piccolo accessorio, costa, tanto.

Detto questo, ecco come cambierò il mio corredo

Tutte queste riflessioni mi hanno portrato ad una decisione:

Ho bisogno di avere due corpi professionali dedicati per i due specifici settori di fotografia in cui lavoro.

  • Travel e Street Photography: Leica M 262 / upgrade a Leica M10
  • Commercial e Still life (Food):  Da decidere (Sony Alpha/Canon/Leica?)

Di sicuro ci saranno novità a breve, in attesa, mi piacerebbe leggere qualche vostro parere o consiglio.

A presto,
Sabino

Foto, storie e tecniche dal mio reportage alla ING Marathon in Lussemburgo

La ING Marathon è ormai diventato l’evento sportivo (e non solo) più importante del Granducato, una gara capace di attirare in città migliaia di runners e altrettanti turisti e appassionati. Nonostante non ami particolarmente la fotografia sportiva, in realtà questo evento offre tante opportunità per foto di street, per cui nelle edizioni passate sono sempre riuscito a portare a casa qualche scatto carino e originale.

Infatti, da diversi anni e con mio grande orgoglio, le mie immagini scattate nelle passate edizioni, vengono utilizzate nei media promozionali ufficiali, come brochure o banner. Ecco qui la mia foto utilizzata per il banner gigante che campeggiava vicino la partenza, in questa edizione 2017:

Con la mia Leica M e il fuoco a zona, la ricetta è perfetta!

Una Leica è per sempre, forse, probabilmente. Ormai sono sempre più a mio agio con questo sistema e dunque, per questo reportage ho utilizzato la mia Leica M alternando due lenti, il Summicron 28mm f2 e il Summicron 50 f2. Non ho mai focheggiato per ottenere lo scatto, perchè ormai ho imparato quella tecnica straordinaria e perfetta per lo street, che è il fuoco a zona.

Una volta deciso quale range di distanza voglio a fuoco, sono io a muovermi di conseguenza piazzando il soggetto sempre in quel range e avendo così sempre la certezza di non perdere il fuoco e potendomi concentrare esclusivamente sulla composizione della foto. C’est magnifique!

Ecco una “rara” foto di me all’opera 🙂

L’attesa, una festa colorata di blu e l’arancione.

Dopo averla mancata lo scorso anno, questa volta ho deciso di tornare a fotografare questo grande evento, approfittanto anche di una eccezionale e calda giornata di sole.

Ma…cosa fotografare senza annoiarmi?

La cosa piu’ importante per me, quando devo fotografare, è avere stimoli ed entusiasmo, soprattutto in quei casi in cui mi capita di osservare qualcosa che gia conosco e che ho gia fotografato in passato.

Fortemente ispirato da uno dei miei fotografi preferiti, Alex Webb, ho cercato così di ottenere una fotografia molto contrastata, dai colori vividi, magari anche con livelli di azione moltipli. Ahhh, fosse cosi’ facile…

Così, con Webb nella testa, ho cominciato ad osservare tutto quello che accadeva davanti ai miei occhi. Grazie ai colori dei main sponsor, ING e TANGO, tutto l’evento era dominato da due colori che amo molto, il blu e l’arancione, che, con la luce forte del sole, hanno creato dei contrasti molto molto interessanti.  Ed ecco qui qualche foto scattata poco prima del via.

Pronti, partenza, via!

Per la prima volta, ho assistito alla partenza e devo ammettere che è stata una scelta azzeccata perchè in questa fase dell’evento si concentrano gran parte dell’adrenalina e dell’entusiasmo di tutti i partecipanti fino all’esplosione di gioia al momento dello start. Non è stato facile trovare spazio vicino la linea di partenza, ma, in fotografia, credo che qualsiasi posozione o situazione abbia sempre qualcosa di interessante da offrire e così ho cercato di catturare il meglio dal mio punto di vista, l’unico, che potevo avere in quel momento.

L’essenza di una maratona? La corsa.

A parte qualche foto di rito appena dopo lo start ufficiale, mi sono concentrato nel catturare la corsa, quel movimento continuo di gambe, di tantissime scarpe colorate che si alternavano secondo dopo secondo. Con la tecnica del panning, queste situazioni mi regalano sempre degli scatti interessanti. Mi sono quindi abbassato per ottenere un punto di vista che fosse allo stesso livello dei piedi e, con il fuoco gia impostato, ho scattato senza guardare dal mirino o dallo schermo (cosa comunque non possibile con la mia Leica M 262).

Essendo ormai in simbiosi con la macchina, riesco quasi a prevedere l’inquadratura anche quando la macchina è distante dagli occhi. Infatti, molti scatti, li ho realizzati senza guardare attraverso la lente, ma direttamente con i mie occhi. Impossibile? Non proprio…

Mentre le mani si occupavano di mantenere, li in basso, ferma la Leica e il dito a scattare, li, in alto, con gli occhi, osservavo direttamente tutte le gambe che mi passavano davanti e, quando vedevo qualcosa di particolare… scattavo!

Si è creata una linea di collegamento diretta tra i miei occhi, il cervello, le braccia, le mani, il dito e infine la macchina.

Non appena vedevo qualcosa di interessante, il dito laggiù scattava, perchè la mente sapeva gia quale sarebbe stata l’inquadratura finale.

L’ultimo raggio di luce prima della fine?

Non so che fine abbia fatto questo occhiale, ma, considerando i migliaia di piedi che sarebbero transitati di li a poco, credo che quel raggio di sole sia stato uno degli ultimi che ha potuto osservare…

Menzione speciale: Prendi il cuore e scappa!

Tra i tanti scatti della giornata, questo è tra i miei preferiti.
Se avessi avuto l’occhio nel mirino, non credo sarei stato in grado di catturarlo perchè lo avrei visto all’improvviso, Mentre, come ho descritto prima, con la macchina distante e gli occhi liberi di osservare la scena, ho visto quest’uomo correre con un cuore in mano e l’ho catturato prevedendo quello che la macchina stava inquadrando.

 

Viva la fotografia e viva la luce!

Grazie e alla prossima,

Sabino

Photo Series #01: Monsoons- Under a heavy rain

Today, I want to inaugurate a new initiative that I hope to repeat every week, time permitting. The idea is to publish, once a week a photo series of 10 or 12 frames, on a specific topic, like an online exhibition.

These photographic series will also be posted on my profile Instagram and Twitter, as well as on my main website and any photos from the series can be purchased as a signed print.

The photo series of this week is titled:

Monsoons – Under a heavy rain 

These 12 photographs tell of an afternoon in Ho Chi Minh city in Vietnam, at the end of the monsoon season. As I walked, suddenly it broke loose a heavy storm and in these cases, the only thing to do, even to save camera and the equipment, is to find a shelter somewhere.
But rather than being bothered, I turned this situation into an opportunity and I began to observe and photograph, always from the same point of view, what was happening in front of me and how the life of the Vietnamese people, perennially driving a motorbike, was affected by the heavy rainfall.

All the pictures have been taken using a Leica M (typ 262) and a Summicron-M 28mm f2 ASPH lens.

(To purchase signed prints of these photos, please go to my website, here.)

Thanks for watching, I would highly appreciate any comment or criticism to my pictures.

Cheers,
Sabino

Foto Serie #01: Monsoni – Sotto una pioggia battente

Oggi voglio inaugurare una nuova iniziativa che spero di poter ripetere ogni settimana, tempo permettendo. l’ìdea è quella di pubblicare, una volta a settimana una foto serie, di 10 o 12 foto, su un tema preciso, come fosse una mostra online.

Queste serie fotografiche verranno pubblicate anche sul mio profilo Instagram e Twitter, oltre che sul mio sito principale ed ogni foto della serie è acquistabile come stampa firmata.

La serie di questa settimana si intitola:

Monsoni – Sotto una pioggia battente 

Queste 12 fotografie raccontano di un pomeriggio ad Ho Chi Minh city in Vietnam, alla fine della stagione dei Monsoni. Mentre camminavo, all’improvviso si è scatenato un violento temporale ed in questi casi, l’unica cosa da fare, anche per salvar el’attrezzatura fotografica, è ripararsi da qualche parte.
Ma invece che essere un fastidio, ho trasformato questa situazione in una opportunità ed ho cominciato ad osservare e fotografare, sempre dallo stesso punto di vista, quello che succedeva davanti a me e come la vita dei vietnamiti, perennemente alla guida di un motorino, fosse influenzata dalla violenta pioggia.

Tutte le foto sono state scattate con una Leica M (typ 262) ed un Summicron-M 28mm f2 ASPH.

(Per acquistare le stampe firmate di queste foto, vai al mio sito, qui.)

Grazie per la visione, mi piacerebbe ora leggere le vostre impressioni e critiche.

Grazie e buona giornata,
Sabino

Food Photography: i ricci di mare

Questa volta, il soggetto del mio photo shooting è uno straordinario frutto di mare, simbolo della mia terra e delizia per il palato: il riccio di mare.  Spinoso ma elegante, scrigno dei più pregiati sapori e profumi del mare, questo invertebrato marino è molto fotogenico grazie alla sua particolare e unica corazza di spine e all’elegante simmetria della polpa all’interno, dai colori spesso vibranti e invitanti.

Un tuffo nel passato, quando “andavamo fare i ricci”

 

Quando ero piccolo, “andare a fare i ricci” (forma dialettale per dire di andare a pescare i ricci), era una delle mie attività preferite. A quei tempi, fortunatamente, vivevamo molto piu’ in simbiosi con la natura e con il mare, senza troppe paure. Non appena cominciava l’estate, libero da impegni scolastici, mi svegliavo ogni mattina presto e la prima cosa che facevo era guardare fuori dalla finestra per “sentire” il vento. Se c’era bonaccia, assenza di vento, significava mare calmo, per cui chiamavo i miei due/tre amici e ci davamo appuntamento “giu a casa” per andare a mare “a fare i ricci”. Arrivati sulla spiaggia rocciosa, la nostra barca era uno sgangherato materassino di tela, cosi, armati di pinne, maschere, retini e coltelli, sfrontati ed un po’ incoscienti, ci spingevamo anche molto lontano dalla costa, utilizzando le nostre gambe come motore.

Arrivati sulla zona giusta, solitamente dove il fondale è ricoperto dalle lunghe e folte alghe di posidonia, ci mettevamo su la maschera subaquea, riempivamo i polmoni di tanta area, e poi dritti giu, con forti colpi di pinna, spediti fino a toccare il fondo. In quel momento, cullati dalle correnti e immersi in quel mondo ovattato e senza rumore, cominciava una eccitante caccia al tesoro, a tempo. Infilavo le mani tra le lunghe e avvolgenti alghe per spostarle fino a quando non intravedevo le nere e vivide spine.  A quel punto, con un gesto lento ma esperto, passavo il coltello al di sotto del riccio, con un colpetto lo facevo staccare dal fondo e saltare nella mano libera. Quella sensazione pungente nella mano, mi riempiva il cuore di gioia e fierezza e con pinnate forti ed orgoliose risalivo in superficie con il braccio teso verso l’alto.

Prima della testa, dalla superficie spuntava sempre la mano fiera con il riccio di mare fresco e pieno di vita.

Il set fotografico

Per ottenere un buon risultato, avevo bisogno prima di tutto che i ricci fossero pieni, con una polpa abbondante e dai colori vibranti. Un immenso grazie va alla “pescheria da Cucuzza” di Mola di Bari, del mio carissimo amico Vito, una garanzia!
Ho realizzato questo photoshooting direttamente a casa dei miei genitori, quindi in una situazione di luce naturale, proveniente da una porta finestra, e utilizzando, come appoggio, il tavolo da pranzo. Questa volta ho avuto anche due assistenti d’eccezione: mia madre (alle luci) e mio padre, assistente di scena e modello 🙂
Come si vede dalla foto di backstage sotto, il set è molto semplice, in una situazione di poco spazio, ma la cosa piu’ importante è avere sempre una grande finestra che faccia entrare quanta più luce naturale possibile. Per il resto, mi adatto con quello che ho a disposizione.

Oltre alla solita foto still life, questa volta ho anche cercato di realizzato una sequenza di foto in azione, utilizzando un modello (mio padre) mentre compie il tipico gesto “verace” di chi mangia il riccio fresco con un pezzo di pane, come si fa con la “scarpetta” nel piatto. Per realizzare questa serie, mi sono piazzato alle sue spalle, su di una sedia, cercando di ottenere una ripresa e un framing più vicino possibile al suo punto di vista ed avere quindi l’immagine finale più dinamica ed invitante.

Nessun flash, nessuna luce artificiale sono state utilizzate per realizzare questi scatti.

Lo sfondo

Sempre per ottenere uno scatto naturale e rustico, ho utilizzato come sfondo la texture di un bellissimo pannello di legno invecchiato, un tagliere, anch’esso vecchio e con molti segni di tagli ed usura, ed un bel cesto in vimini, tipico degli ambienti marinari.

La luce

Come detto prima, non amo la luce artificiale, soprattutto per il food, perchè lo renderebbe freddo e poco invitante.
Come fonte principale ho utilizzato la meravigliosa luce naturale attraverso una porta finestra e, per schiarire le ombre, in posizione opposta, un pannello A3 ricoperto di carta alluminio.

L’attrezzatura

La macchina fotografica utilizzata e’ una Canon 5D Mk III mentre come lente ho utilizzato il Canon EF 100mm Macro f2.8 IS USM per le riprese piu da vicino e il Canon EF 24-70mm f2.8 II USM per le riprese dall’alto.

Ed ecco il risultato finale




Ti piacciono le mie foto?

[call_to_action title=”Ordina%20una%20stampa%20o%20acquista%20il%20file%20in%20alta%20risoluzione” button_label=”Vai%20allo%20shop” button_url=”http%3A%2F%2Fwww.sabinoparente.com%2Fp995239295″ button_new_window=”1″ style=”style-a”]Se sei interessato ad acquistare una stampa di una delle mie fotografie o vorresti acquistare l’immagine in digitale in alta risoluzione, puoi farlo direttamente dal mio sito e pagare con Carta di Credito o Paypal.[/call_to_action]

Food Photography: Le zeppole di San Giuseppe

Il soggetto di questo mio nuovo photoshooting è un dolce che mi riporta indietro nel tempo, alla mia infanzia, quando, i giorni che precedevano la festa del papà, la casa si riempiva di un dolce profumo di bigne caldi e crema pasticcera. Sto parlando delle Zeppoline di San Giuseppe, deliziose ciambelline al forno (ma anche fritte), ripiene di crema pasticcera e decorate con zucchero a velo e amarena.

Un dolce per papà

La tradizione vuole che queste ciambelline cremose, vengano servite il giorno di San Giuseppe, quando in Italia si festeggia la festa del papà. Nei giorni antecedenti questa festa, nel mio paese nativo, Mola di Bari, in quasi tutte le case si cominciano gia a preparare le zeppole, e i panifici ne sono pieni.

Ho la fortuna di avere una mamma cuoca straordinaria e per il mio servizio ho utilizzato le Zeppole di San Giuseppe preparate proprio da mia madre.

Il set fotografico

Ho realizzato questo photoshooting direttamente a casa dei miei genitori, quindi in una situazione di luce naturale, proveniente da una porta finestra, e utilizzando, come appoggio, il tavolo da pranzo.

Nessun flash, nessuna luce artificiale sono state utilizzate per realizzare questi scatti.

Lo sfondo

L’idea di base era quella di ottenere uno scatto naturale e caldo, rustico, un’atmosfera semplice e casereccia. CosÌ ho utilizzato come sfondo la texture di un bellissimo pannello di legno invecchiato, ed un tagliere, anch’esso vecchio e con molti segni di tagli ed usura.

La luce

Come detto prima, non amo la luce artificiale, soprattutto per il food, perchè lo renderebbe freddo e poco invitante.
Come fonte principale ho utilizzato la meravigliosa luce naturale attraverso una porta finestra e, per schiarire le ombre, in posizione opposta, un pannello A3 ricoperto di carta alluminio.

L’attrezzatura

La macchina fotografica utilizzata e’ una Canon 5D Mk III mentre come lente ho utilizzato sempre e soltanto il Canon EF 100mm Macro  f2.8, essendo il soggetto piccolo e ricco di texture e particolari. Preferisco utilizzare il tele anche per appiattire la prospettiva ed avere uno sfocato piu’ gradevole.

Ed ecco il risultato finale


Ti piacciono le mie foto?

[call_to_action title=”Ordina%20una%20stampa%20o%20acquista%20il%20file%20in%20alta%20risoluzione” button_label=”Vai%20allo%20shop” button_url=”http%3A%2F%2Fwww.sabinoparente.com%2Fp396612002″ button_new_window=”1″ style=”style-a”]Se sei interessato ad acquistare una stampa di una delle mie fotografie o vorresti acquistare l’immagine in digitale in alta risoluzione, puoi farlo direttamente dal mio sito e pagare con Carta di Credito o Paypal.[/call_to_action]

Puglia mon amour – 10 giorni di puro godimento

Sono da poco tornato da un viaggio di 10 giorni in Puglia, la mia terra, dove ho deciso di festeggiare i miei 40 anni, circondato dalla mia famiglia e i miei amori. In attesa di un nuovo viaggio fotografico, questa è stata un’ottima occasione per immergermi nelle atmosfere, gli odori, i suoni e i sapori della mia terra natia. Questa volta ho lasciato a casa il corredo Leica perchè ho intenzione di organizzare un paio di sessioni di Food Photography, per fotografare un po’ di cibo tipico pugliese e produrre nuovo materiale per la vendita. Per questo motivo, ho portato con me la Canon 5D mk III, con le lenti  24-70mm f2.8 e 100mm f2.8 macro, che poi è quella che utilizzo di piu’ per questo genere di fotografia (leggi sotto).

Casa dolce casa, a tavola da mamma, il giorno dei miei 40 anni.

Dalle mie parti, tutta la vita ruota intorno al cibo, tutto viene fatto in funzione di pranzo e cena e, di giorno in giorno, si discute cosa mangiare e preparare per il giorno successivo. Mia madre mi aveva chiesto gia da una settimana cosa volessi mangiare.., 🙂
Appena atterrato in mattinata, con un volo Ryanair da Charleroi a Bari, dopo un paio di ore eccomi seduto davanti ad una bella tavola ricca di sapori pugliesi: ricotta fresca, mozzarelle, focaccia, carciofi ripieni, calzone e tanto tanto altro, tutto magistralmente preparato dalla mia splendida mamma. Subito un pieno di goduria made in Puglia. E finalmente, dopo tanti anni, ho riassaggiato il mio frutto di mare preferito, i ricci di mare… semplicemente deliziosi!
Questo, il 4 marzo, è il giorno del mio compleanno, percio’ non posso trattenermi, devo mangiare tutto, anche se lo festeggiamo al ristorante il giorno dopo.

E per dolce, le famose “Tette delle monache”, un delirio per i sensi, un soffice pasticcino ripieno di crema pasticcera. Buonissimime, ma una bella iniezione di calorie.

Basta solo questo per convincervi a venire in Puglia, vero? 🙂

Deejay Ten a Bari, run like a “pulp” (polpo, in dialetto)

Il primo tagliando per i miei 40 anni arriva subito il giorno dopo averli compiuti, con una corsa di 10km alla Deejay Ten di Bari, in una ventosa e fresca domenica di marzo. L’evento è bellissimo, 10mila persone, tutti con la stessa voglia di correre e di divertirsi. In realtà non ho corso tutti i 10km perchè, correndo sul lungomare, mi veniva sempre voglia di fare qualche foto, cosi’ di tanto in tanto mi sono fermato per fotografare (con l’iphone), i pescatori baresi che orgogliosi mostrano i polpi appena arricciati, o aprono i frutti di mare freschi.

 

L’arricciatura dei polpi, che consiste nello sbattere ripetutamente per terra un polpo per renderlo piu’ tenero e quindi arricciarne i tentacoli,  è una delle scene piu’ tipiche e fotogeniche che vi capiterà di incontrare se passeggiate sul lungomare di Bari, qualsiasi giorno della settimana Tutta Bari in una foto: la birra Peroni, un uomo che apre le cozze crude, il mare.

I festeggiamenti dei miei 40 anni

Sarò sincero, so che si dice sempre cosi’, ma davvero, me ne sento la metà, non 40 di certo. Ma tant’è, per memoria futura, eccomi qua a festeggiarlo, in un ottimo ristorante a Monopoli, con i miei piu’ grandi amori: mio padre e mia madre. What else?

Prima di arrivare alla torta pero’, siam dovuti passare attraverso piatti FANTASTICI, come questo spaghetto ai ricci di mare, poesia e libidine ai massimi livelli. ADORO

Per chi fosse interessato, consiglio vivamente questo ristorante nella splendida cittadina di Monopoli:

Terrazzamare – non la solita trattoria, ma piatti curatissimi e di alta qualità, personale e ambiente molto piacevole e serio. Il titolare, un veneto, molto simpatico e competente.
https://www.tripadvisor.it/Restaurant_Review-g652003-d10210325-Reviews-Terrazzamare-Monopoli_Province_of_Bari_Puglia.html

Un salto nel Salento

Piccola parentesi del mio soggiorno in Puglia, un passaggio in salento, dove vivono i miei suoceri e le uniche foto che ne testimoniano il passaggio, riguardano lo splendido mare di San Pietro in Bevagna e il pasticciotto leccese (dolce in pasta frolla ripieno di calda crema pasticcera), per una bella colazione a piazza Sant’Oronzo a Lecce.

Il pasticciotto leccese è stato poi uno dei soggetti del photoshooting sul cibo, immagini che pubblichero’ nei prossimi giorni…

Photoshooting di Food

E dopo qualche giorno di pura vacanza, eccomi pronto per dedicarmi un po’ all’amata fotografia. Come avevo gia programmato, ho organizzato una sessione di Food Photography, fatta in casa, con due speciali assistenti: mia madre (alle luci) e mio padre (setting e modello). 🙂

Uno dei soggetti di punta che da tempo volevo fortografare (e finalmente ci sono riuscito), sono i ricci di mare. Le loro foto sono, stranamente, molto rare nei maggiori siti di microstock, come Fotolia o Shutterstock e non mi spiego il perché. SI tratta di soggetti molto fotogenici oltre che molto rinomati dal punto di vista culinario, non solo in Italia. Tant’è che al momento in cui scrivo questo articolo, dopo soli due giorni dalla loro pubblicazione, ne ho gia vendute 10! Fantastico.

Nei prossimi giorni publichero’ i risultati di questa due giorni di photoshooting. con piu’ dettagli tecnici, intanto ecco la lista dei soggetti fotografati: ricci di mare, orobanche (sporchia), asparagi, fave, carciofi, focaccia barese, fichi secchi, cipollotto, zeppoline. pasticciotto.

Grazie a questo photoshooting, ho prodotto la bellezza di quasi 600 nuove immagini gia in vendita sui maggiori siti di fotografia di stock!

In giro per Mola di Bari, il mio paese.

Quando sono a Mola, la cosa che amo di piu fare è camminare tra i vicoli, i  parchi e i mercati, senza una meta in particolare, ma solo per osservare tutto quello che succede intorno, lo scorrere pigro e rumoroso della vita al sud Italia. Camminando di mattina, vengo avvolto dal dolce profumo dei cornetti caldi e del caffè che esce dalle porte dei bar sempre pieni ed affollati, perchè da noi la giornata comincia sempre in un bar. Quando ci passo davanti rallento per ascoltare i discorsi degli uomini seduti ai tavolini o al bancone: sono 90% sul calcio, 10% sui problemi della politica locale.

Tra i vicoli invece, si incontrano per lo piu’ le donne che vanno a fare la spesa, mentre dalle porticine delle case escono i profumi di quello che si mangerà a pranzo, e la fame ti arriva gia molto prima. E allora mi diverto ad inseguire tutti questi odori e cerco di indovinarne l’origine, quale piatto di pasta o verdura si sta preparando. Quando vedo due o tre donne che parlottano, rallento per ascoltare i loro discorsi che sono 90% pettegolezzi su fatti accaduti o persone, 10% problemi di salute.

 

In tarda mattinata poi, capita per forza di passare davanti ad un panificio da cui inesorabilmente arriva il profumo della tipica focaccia barese: nessuno puo’ resistere alla tentazione di coprare una fetta, rigorosamente triangolare, ancora fumante, e mangiarla nonostante l’opulento pranzo che ti aspetta da li a poco…

Nel pomeriggio invece, il mio rito è sempre e solo quello: aspettare le barche che “scendono” (cosi’ si dice nel dialetto molese”) e portano il pescato freschissimo al mercato del pesce. Ed anche qui è una esplosione di colori, suoni e odori, una musica a me familiare e che risveglia ogni senso del mio corpo.

Prima di ripartire, ancora un saluto al mare

L’utimo giorno, ho fatto quello che faccio sempre prima di ogni partenza: una camminata solitaria lungo il porticciolo, per fare un carico di energia positiva che solo il mio mare sa darmi. Accarezzato dal vento, ho letto qualche riga del libro di Claudio Pellizzeni, “L’orizzonte, ogni giorno, un po’ più in là”, che racconta il suo incredibile viaggio, il giro del mondo senza prendere aerei, dopo aver abbandonato il suo comodo ma piatto lavoro d’ufficio. Un libro pieno di emozioni e storie interessanti, il racconto di un lungo viaggio che spero di poter fare anche io, presto, molto presto…

 

Arrivederci Mola, arrivederci Puglia!

Sabino

Due passi a Coventry, Uk

Questa settimana sono stato a Coventry, in Gran Bretagna, per lavoro e, come sempre, pur sapendo di non avere molto tempo libero, mi son portato dietro la mia piccola Leica M.

“Non si sa mai”, mi son detto, ogni posto nuovo ha sempre qualcosa di interessante da fotografare.

Durante la settimana non ho avuto tempo, l’ultimo giorno, in attesa del volo, ho avuto circa tre ore per esplorare la città. Quindi, ho lasciato l’albergo alle 8:30 e, con il Summicron 28mm e il Summicron 50mm e il Voigtlander 21mm, sono uscito a fare due passi.

Ecco quello che questa interessante città inglese mi ha regalato:

 

Le rovine della Cattedrale di Santa Maria

Molto bella e fotogenica la prima antica cattedrale di Coventry che fu priorato e cattedrale di Santa Maria, di cui rimangono solo alcune rovine.





Al prossimo viaggio,
grazie e buona luce,
Sabino