Featured! New photo publications in Uk and Italy…

Selling on the stock photos agencies as Fotolia and Shutterstock it is great but it has the downside of not knowing who bought my pictures and where they will be printed and published. So, time to time, either I do a research on my name on Google, or someone just writes me saying “hey, I’ve seen a picture there that seems one of yours…”.

And here are two new features that iI discovered in these days, coming from UK and Italy.

1. Featured in a Shopping Center giant installation (Italy)

In this case, my daddy reported me this, while walking in this huge shopping center, Auchan, in Casamassima, province of Bari, south of Italy, the place where I came from, actually. He spotted this giant print promoting my region and he immediately recognized as my photo, also because he was with me when I shoot it, in 2013.

I well remember this shot as it was the first time in my life I forgot my camera equipment at home while traveling to the south of Italy. Don’t ask me how it happens, but I realized that I left the bag at home when I parked at the airport, so it was too late…. Imagine how shocked I was… 🙂

Hopefully, I had my first ever bought reflex camera still at my parent’s home, an old Canon Eos 450D with a zoom lens Tamron 17-50 f2.8

Here is the original picture that was shot in Puglia region, in the countryside around my hometown, Mola di Bari. It’s about ancient olive trees in a field of red and green salads.

Canon Eos 450D – Tamron 17-50 f2.8 at 30mm

Here are some few more shots from that day:

2. Featured on The Telegraph (UK)

Today, while searching on Google typing my name, I spotted this new feature. Anyway, this is not the first time my pictures appear on this famous magazine. Probably they always check and buy pictures from my portfolio at Fotolia. A happy customer then 🙂

The online pages of The Telegraph, in the Travel section, have published an article about Malawi, Africa, featuring a couple of my pictures.

The full article can be read here:

http://www.telegraph.co.uk/travel/destinations/africa/malawi/articles/malawi-amazing-facts-about-the-country/


These pictures were taken during my wonderful and unforgettable overland journey between Malawi and Zambia with AfricaWildTruck, a great specialized travel agency based in Malawi.

If you dream a trip to Africa, I highly recommend it!

More success stories on my website

If you want to see some more features or success stories, I’m collecting them on my personal website here:

http://www.sabinoparente.com/p745087375

That’s all for today. If you spot one of my pictures on the web or in real places,
please do not hesitate to report it to me, I will be very grateful.

Grazie mille,
Sabino

18 photos of Tabernas desert, photographed with a Leica SL

After telling you the story about my experience in the desert of Tabernas, it’s time to publish the photos taken with my new Leica SL.
This was the first opportunity to use the camera, because, as I wrote in a post a few days ago, I received it only two days before leaving for Andalusia, without even having time to familiarize with all the settings and the buttons.

Love at first sight – Impressions at first use …

Well reassured by the praise and excitement of my dear friend and supplier Ryuichi from NOC, the first impressions of use of the Leica SL have been very positive, more than I expected. Honestly, switching from the beautiful Leica M to Leica SL, I was concerned about losing that great handling and discretion typical of the M. But no, no..

The Leica SL in the hands is very enjoyable and is not “fat and big” as I often reads around, indeed. It’s a bit taller, but much less deep than a dslr, for instance.
The menu, in the typical Leica style, is very simple and intuitive, and this has certainly facilitated its first use.

But, not having much time to explore all the settings, before I start shooting, I’ve made sure I set the most important parameters in order to avoid any bad surprises once I download the photos, later on at home.
The button I just loved and made me happy is the small joystick on the back that lets you zoom in the viewfinder and then focus very accurately.

The viewfinder then, is so much stuff, wide, bright, and with a fantastical definition. I did not clearly feel the lack of an optical viewfinder.

Which lenses

For this photo session I used the following lenses, with a Novoflex adapters:

  • Leica Summicron M 50 f2
  • Voigtlander Skopar M 21mm F4
  • Pentacon M42 135mm f2.8

18 photos of Tabernas desert, photographed with a Leica SL

(post production with Adobe Lightroom)

 

Summicron M 50mm – f6.8 – 1/320 sec. – ISO 100

Summicron M 50mm – f8 – 1/400 sec. – ISO 100

Pentacon 135mm – f6.8 – 1/320 sec – ISO 100

Pentacon 135mm – f6.8 – 1/320 sec – ISO 100

Summicron M 50mm – f8 – 1/320 sec. – ISO 100

Pentacon 135mm – f8 – 1/160 sec – ISO 100

Summicron M 50mm – f5.6 – 1/320 sec – ISO 100

Pentacon 135mm – f6.8 – 1/500 sec – ISO 100

Pentacon 135mm – f8 – 1/200 sec – ISO 100

Voigtlander Skopar M 21mm – f11 – 1/320 sec – ISO 100

Voigtlander Skopar M 21mm – f11 – 1/320 sec – ISO 100

Summicron M 50mm – f8 – 1/320 sec – ISO 100

Summicron M 50mm – f4.8 – 1/125 sec – ISO 100

Summicron M 50mm – f4.8 – 1/400 sec – ISO 100

Summicron M 50mm – f4.8 – 1/400 sec – ISO 100

Summicron M 50mm – f5.6- 1/250 sec – ISO 100

Summicron M 50mm – f8 – 1/320 sec – ISO 100

Summicron M 50mm – f11 – 1/320 sec – ISO 100

[call_to_action title=”Browse%20the%20complete%20gallery%20or%20buy%20any%20of%20my%20pictures%20by%20visiting%20my%20online%20portfolio%3A” button_label=”Go%20to%20sabinoparente.com” button_url=”http%3A%2F%2Fwww.sabinoparente.com%2Fp834448093″ button_new_window=”1″ style=”style-c” /]

 

Grazie e a presto,
Sabino

Il deserto di Tabernas – Racconti di viaggio in Andalusia

Le prime ore del mio viaggio “on the road” in Andalusia sono state subito meravigliose. Dopo essere atterrato ad Alicante e fatta una sosta nella bruttina (…issima…) Torre Vieja, lasciata la costa, il paesaggio cambia diventando sempre più arido e collinoso. Anche se la meta finale è Granada, avevo gia programmato di attraversare e fare magari una breve sosta nel deserto di Tabernas. La strada per arrivarci è molto comoda e poco trafficata e man mano che ci si avvicina, mi è sembrato di rivivere le stesse bellissime emozioni del viaggio attraverso i canyon e deserti americani.


Video


I paesaggi desertici andalusi sono molto simili a quelli americani, e mi è salita presto l’adrenalina non appena ho sentito l’odore di belle foto.

Lungo la strada, terra piatta e arida si alterna a distese infinite di piccoli alberi di ulivi e poi roccia rossa e formazioni simili alle “mesa” e “butte” dell’Arizona. Incrociamo addirittura un distributore di benzina in stile Route 66. La mia emozione cresce, insieme a quella sensazione di “wilderness” che libera l’anima da tutto lo stress accumulato nella routine di tutti i giorni al lavoro.


Video


 (tutte le foto in questa pagina sono scattate con l’iphone 6S)

I primi paesaggi che ho fotografato. Ampie distese di ulivi…

La strada verso il deserto

Qui comincia il mio on the road in Andalucia.


Il deserto, dove c’era una volta il West

Il deserto di Tabernas, è molto famoso per essere stato, soprattutto in passato, la location preferita per girare numerosi film western.

Sergio Leone, l’indimenticato regista italiano, uno dei miei preferiti tra l’altro, ha qui girato capolavori come come C’era una volta il WestPer un pugno di dollariPer qualche dollaro in più

Siamo arrivati qui nel pomeriggio, intorno alle 17:00, quando il sole è ancora alto e brucia letteralmente le rocce e la terra gia secca. In zona, ci sono diversi Studios Cinematografici, diventati parchi a tema. Purtroppo, quello che volevo visitere, Fort Bravo, era chiuso al pubblico perchè proprio in quelle ore stavano girando alcune scene di un film. Pazienza.

Ma non è un dramma, perchè il paesaggio intorno, grezzo e naturale, è incredibilmente bello. Girandolo un pò a caso, con la macchina, mi sono fermato a fotografare alcuni punti più belli. A quest’ora della giornata, 17:30 circa, la luce diventa più calda è meno netta, una condizione ideale quando si fotografa.

Altra sosta per fotografare il meraviglioso paesaggio desertico

Selfie time!

Selfie anche per la mia nuova Leica SL


Il set western abbandonato

Ad un certo punto, lungo la strada, ho avvistato quello che probabilmente è una parte di un vecchio set abbandonato: una casettina stile saloon, o meglio solo la facciata principale. Intorno alcuni alberi completemante secchi e piante di agave. Un paesaggio davvero bello e ovviamente, abbiamo parcheggiato e ci siamo inoltrati attraverso questa campagna secca e pungente.

Il set abbandonato

Per un attimo ci siamo sentiti noi catapultati in un vecchio villaggio del west e mi aspettavo, da un momento all’altro, sentire il rumore degli zoccoli di un cavallo montato da un cowboy con vecchi stivali a speroni.


Pronto per usare la mia nuova Leica SL

Tornato alla realtà, ho finalmente cominciato ad usare la mia nuovissima Leica SL per la prima volta in maniera intensa, sia per le foto del paesaggio con il Summicron 28mm f2 ASPH o per qualche ritratto o dettaglio con il Summicron 50mm f2 e con il Pentacon 135mm f2.8 M42, che fortunatamente ho messo in borsa pochi secondi prima di partire. Al primo utilizzo, senza aver letto niente dal manuale, la Leica SL si rivela facilissima e comoda, ma la cosa più utile è lo zoom digitale tramite il piccolo pulsante sul retro che permette di mettere a fuoco con estrema facilità e velocità. Con la piccola Leica M e la messa a fuoco a telemetro, era più difficile.

Camminando nel campo arido, verso il set western

La terra arida

 

Il Pentacon M42 135mm f2.8. Ottima resa sulla Leica SL

Finalmente comincio ad utilizzare intensamente la Leica SL


La città ed il castello di Tabernas

Prima di lasciare il deserto ed attraversare la altrettanto splendida Sierra Nevada per arrivare a Granada, vale la pena una visita alle rovine del Castello di Tabernas che sormonta la dormiente cittadina.
L’accesso è gratuito, anzi, tutto sembra completamente abbandonato, non c’è nessuna barriera o cancello da attraversare. Basta lasciare la macchina nel parcheggio gratuito di un piccolo centro sportivo e salire a piedi fino in cima.
Una volta su, le rovine in se non sono niente di particolare, ma tutto il meglio lo offre il panorama sia sulla cittadina, sovrastata dalle rocce alle sue spalle, e la vista sul deserto. Purtroppo, per questioni di tempo, non ho potuto aspettare il tramonto che immagino sarà stato meraviglioso.

A malincuore ho dovuto lasciare il deserto, ma questa breve sosta mi ha fatto scoprire una parte di Spagna davvero unica e che mi riprometto di fotografare in un viaggio dedicato.


Video


La macchina per questo on the road


La salita verso il castello di Tabernas

La città di Tabernas vista dal Castello


Conclusioni

Consiglio vivamente di passare qualche giorno tra il deserto di Tabernas e la Sierra Nevada perchè non hanno nulla da invidiare ai più rinomati e scenografici deserti americani.

Per i fotografi di paesaggio, è sicuramente una meta da non perdere!

 


6 informazioni rilevanti da tenere a mente:

  • La distanza dall’aeroporto di Alicante a Tabernas è di 277 Kilometri circa, ci sono diversi limiti sotto i 100km/h durante il tragitto.
  • Le strade in tutta la zona sono in perfette condizioni.
  • Non perdersi la vista sul deserto al tramonto, dalle rovine del castello
  • La visita al castello e tutta la zona del deserto è gratuita
  • Soggetti fotografici: paesaggi e texture
  • Lenti consigliate per questa zona: grandangolo per gli sconfinati paesaggi e teleobbiettivo per catturare i bellissimi pattern che si formano nel deserto e tra le rocce.

Grazie,
a presto, Sabino

Viaggio in Andalusia, cosa mi è piaciuto e cosa no

Sono da poco tornato da un viaggio on the road in Andalusia, regione a sud della Spagna, e, con ancora le emozioni e le sensazioni calde, è il momento di fare un bilancio e raccontarvi cosa mi è piaciuto di più, e cosa meno.

Dettagli di viaggio

Durata: 10 giorni (9 notti)
Voli: Ryanair –  Andata Hahn-Alicante / Ritorno Malaga – Hahn
Macchina a noleggio: Hertz – Seat Ibiza a benzina
Itinerario: Alicante > Tabernas > Granada > Cordova > Siviglia > Cadice > Nerja > Malaga
Kilometri percorsi a piedi: circa 300Km
Churros consumati: circa 30
Cervezas bevute: circa 50

Cosa mi è piaciuto di più

  • DESERTO DI TABERNAS –  Perdersi tra i paesaggi desertici e aridi tra i set abbandonati del vecchio Far West.
  • SIVIGLIA – Non so se al mondo esiste la città perfetta, ma questa csi avvicina parecchio: solare, vivibile, attiva e bella, bellissima. La città è molto sicura ed estremamente ordinata e pulita e sembra costruita tutt’intorno ai bisogni del cittadino. Piste cilabili, traffico assente nei distretti centrali, architetture moderne perfettamente integrate nel piano urbano, offerta di locali ed eventi infinita.
  • SIVIGLIA – La colazione a base di Churros e cioccolata calda al “Bar El Comercio”. Ambiente locale e rilassato.
  • SIVIGLIA L’Alcazar, un paradiso in terra. Rilassante.
  • SIVIGLIA – Le tapas deliziose della taberna “Blanco Paloma” nel quartiere di Triana. Le migliori tapas di Siviglia.
  • SIVIGLIA –  Lo spettacolo del Flamenco, sensualità e passione allo stato puro. Ahhhh
  • GRANADA – Il quartiere gitano di Sacromonte, la sera, da esplorare e vivere in ogni sua sfumatura.
  • GRANADA–  Lo spettacolo della Zambra, il flamenco Gitano, mi ha travolto e stravolto. Esperienza da pelle d’oca.
  • GRANADA– Le tapas di frutti di mare da Los Diamantes in Plaza Nueva
  • CORDOBA– La tranquillità e l’atmosfera pacifica di questà città che si visita tranquillamente a piedi in una giornata.
  • CORDOBA– La Mezquita, sia all’esterno che all’interno è molto molto bella e fotogenica.
  • CORDOBA –  Il gelato al formaggio di pecora con marmellata di zucca e granella di noci da Cocina 33: semplicemente delizioso!
  • CARMONA– Un Pueblos Blanco sorprendentemente bello, ricco di bianchi viottoli e chiesette. Merita una visita.
  • CADICE – Il tramonto sull’Oceano Atlantico visto dalla Playa de la Caleta. La pace dei sensi
  • CADICE – Il tramonto sulla Cattedrale che offre una vista da cartolina
  • CADICE – Cenare alla taberna “La Bodeguita de Plocia” con pesce e frutti di mare freschissimi
  • CADICE –  Il ricco e abbondante Mercado Publico, tanto pesce fresco, frutta, carne e salumi.
  • ANDALUSIA – I paesaggi lungo la strada dei Pueblos Blanco, da Cadice a Malaga. Meravigliosa.
  • ANDALUSIA – Le architetture moresche, le atmosfere marocchine o arabe che si respiranno on pò ovunque. Sarà che io ho un debole per il Marocco, terra che amo.
  • ANDALUSIA – Bere una Cerveza in una qualsiasi tabernas, accompagnata da ottime tapas.

Desierto de Tabernas

Desierto de Tabernas

Desierto de Tabernas

Sevilla

Sevilla

Churros e Chocolate – Bar El Comercio – Sevilla

 

Alcazar – Sevilla

Alcazar – Sevilla

Alcazar – Sevilla

 

Tapas – Blanco Paloma – Siviglia

Tapas – Blanco Paloma – Siviglia

 

Sacromonte – Gitanos

Sacromonte – Gitanos

Zambra, la danza Gitana

 

Tapas – Los Diamantes – Siviglia

Tapas – Los Diamantes – Siviglia

Cordova

Cordova

Cordova

Cordova-Mezquita

Cordoba – La Mezquita

Cordoba – Gelato di formaggio di pecora – Cocina 33

Carmona

Carmona

Cadice – Tramonto sulla Cattedrale

Cadice – Tramonto sull’Oceano Atlantico

Cadice – La Bodeguita de Plocia”

Cadice – La Bodeguita de Plocia”

Mercado Publico – Cadiz

Mercado Publico – Cadiz

Paesaggio Andaluso

Paesaggio Andaluso

Splendidi paesaggi Andalusi

 Cosa mi è piaciuto di meno 

  • Ronda –  Questa meta merita il primissimo posto tra le maggiori delusioni dei questo viaggio. Citta iper turistica, perfetta per chi ama lo shopping e le strade commerciali. Unica attrazione un ponte di costuzione Romana, imponente, ma per me non vale una visita. Sopravvalutata
  • Setenil de las Bodegas– Altra meta molto pubblicizzata ma che per me non merita una visita più lunga di 15 minuti, o meglio, non merita una deviazione lungo l’îtinerario. Si, c’è la particolarità delle rocce che quasi inghiottono le case, ma si tratta davvero di due stradine di 30 metri, tra l’altro piene di bar e negozi.
  • Frigilliana – Altra meta spesso menzionata e consigliata per la zona di Malaga ma per me insignificante. Un piccolo villagio forzatamente turistico che non ha altro che qualche stradina addobbata e molti bar per turisti. Anonima.
  • Malaga – Sapevo gia ed è stata solo una conferma. Una città bruttina e invasa da palazzoni che tolgono respiro al mare.
  • Torre Vieja – Ci siamo fermati solo per una pausa ristoro. Mamma mia che orrore, esempio lampante di stupro urbanistico, con la costa sopraffatta da palazzoni imponenti e brutti. Come ammazzare il mare.
  • Il caffè espresso, da Cadice a Malaga, lo fanno lungo e lo servono in un bicchiere. No No No.
  • Siviglia – La tortura dei Tori, aka la Corrida. Su questa ho scritto un articolo a parte perchè no, non puo’ esistere tanta brutalità al servizio dello spettacolo.

Setenil de la Bodegas

Ronda

Conclusioni

Eliminando qualsiasi inutile premessa, vi dico subito che il mio giudizio finale è SI, mi piace!  L’Andalusia è una terra davvero meravigliosa, piena di vita e carattere, divertente e facile da esplorare. Ha tantissimo da vivere e da vedere, non solo per l’architettura moresca e i paesaggi mozzafiato.

L’Andalusia è da vivere intensamente nel calore e nei sorrisi dei suoi abitanti, nella vita lenta e pacifica dei suoi Pueblos Blanco, nella luce intensa del sole e nelle sue calde serate tra tapas e cervezas

Bastano 10 giorni?

Per un primo assaggio si, certo, perchè in Andalusia le giornate le vivi interamente e, in estate, c’è luce fino oltre le 22. La prima cosa che ho pensato quando sono tornato alla mia vita di tutti i giorni in Lussemburgo è che qui viviamo solo la metà dellala nostra vita.

In Andalucia non dirai mai “è troppo tardi” cosa che invece diciamo sempre qui, dove tutto finisce e si spegne dopo le 18. Al massimo dirai “è troppo presto”, perchè tutto si attiva dalle 10 in poi…

Ma 10 giorni non bastano certamente per vedere tutto con calma, perchè questa regione offre davvero tantissimo, ogni città ha tanta storia e meravigliose architetture di eredità musulmana o cristiana. Il solo deserto di Tabernas, merita un viaggio a parte, soprattutto per chi fa fotografia, come me, o per chi ama il trekking e le escursioni selvagge.

L’Andalucia, per concludere, è sicuramente un posto dove andrei a vivere, Siviglia o Cadice, chissà, magari in un futuro non troppo lontano.

Muchas Gracias, Andalusia!

Sabino

Trip to Andalusia, what I liked and what not…

I have just returned from a trip on the road to Andalusia, southern Spain, and with still hot emotions and feelings, it’s time to make a balance and tell you what I liked most, and what less.

Journey details

Lenght: 10 giorni (9 notti)
Flights : Ryanair –  Hahn-Alicante / Malaga – Hahn
Rental Car Hertz – Seat Ibiza
Itinerary: Alicante > Tabernas > Granada > Cordova > Sevilla> Cadiz > Nerja > Malaga
Distance covered by foot: around 300Km
Churros enjoyed: around 30
Cervezas drank: around 50 🙂

What I liked most

  • TABERNAS DESERT – Just get lost in this desert with beautiful arid landscapes and you can discover abandoned set of old Western movies.
  • SEVILLE – I do not know if “the perfect city” exists, but this approaches a lot: sunny, vibrant, clean, active and beautiful, so beautiful. The city is very safe and extremely tidy and clean and seems to be built around the needs of the citizen. Dedicated cycling paths, no traffic in central districts, modern architectures perfectly integrated into the urban plan, offering endless venues and events.
  • SEVILLE  – Breakfast with Churros and hot chocolate at “Bar Comercio”. Local and relaxed environment.
  • SEVILLE – The Alcazar palace, heaven on earth. Relaxing.
  • SEVILLE – The delicious tapas of the tabernas “Blanco Paloma” in the Triana district. The best tapas in Seville.
  • SEVILLE Flamenco show, sensuality and passion at the pure state. Ahhhh
  • GRANADA – The Sacromonte gitanos district, in the evening, to explore and live in every nuance.
  • GRANADA – The Zambra show, the flamenco of Gitanos, an overwhelming and suffering dance, unforgettable experience.
  • GRANADA Seafood tapas from Los Diamantes in Plaza Nueva
  • CORDOBA – The tranquillity and peaceful atmosphere of this city that you can safely visit on foot in one day.
  • CORDOBA – The Mezquita, both inside and outside, is very beautiful and photogenic.
  • CORDOBA – The Goat Cheese ice cream with Pumpkin Jam and Nuts Cocina 33: Simply Delicious!
  • CARMONA – A surprisingly beautiful Pueblos Blanco, full of white lanes and churches. Worth a visit.
  • CADIZSunset over the Atlantic Ocean seen from Playa de la Caleta. The peace of the senses
  • CADIZ – The sunset over the Cathedral offering a postcard view
  • CADIZ – Dinning at the “La Bodeguita de Plocia tabernacle with fresh fish and seafood
  • CADIZ – The rich and abundant “Mercado Publico”, both fresh fish, fruit, meat and salami.
  • ANDALUSIA – Landscapes along the Pueblos Blanco’s Road, from Cadiz to Malaga. Wonderful.
  • ANDALUSIA – Moorish architectures, Moroccan or Arabic atmospheres that you breathe on everywhere. Maybe It’s because I have a weakness for Morocco, a land I truly love.
  • ANDALUSIA – Drinkingn a Cerveza in any tabernas, accompanied by delicious tapas.

(All the following pictures have been taken with an iPhone 6s)

Seville

Seville – Plaza d’Espana

Churros and Chocolate – Bar El Comercio – Seville

Alcazar – Seville

Alcazar – Seville

Alcazar – Seville

Tapas – Blanco Paloma – Seville

Tapas – Blanco Paloma – Seville

 

Sacromonte – Gitanos

Sacromonte – Gitanos

Zambra, the Gitanos dance

 

Tapas – Los Diamantes – Seville

Tapas – Los Diamantes – Seville

Cordova

Cordova

Cordova

Cordova-Mezquita

Cordoba – Mezquita

Cordoba – The goat cheese ice cream – Cocina 33

Carmona

Carmona

Cadiz – Sunset over the Cathedral

Cadiz – Sunset over the Atlantic Ocean

Cadiz – Seafood at “La Bodeguita de Plocia”

Cadiz – La Bodeguita de Plocia”

Mercado Publico – Cadiz

Mercado Publico – Cadiz

Landscapes in Andalusia

Landscapes in Andalusia

Landscapes in Andalusia

 

What I liked most

  • Ronda – This spot deserves the first place among the biggest disappointments of this trip. A hyper-touristic city, maybe perfect for those who love shopping. The main sight is a Roman bridge, impressively huge, yes, but for me, it is not worth a visit. Overrated
  • Setenil de las Bodegas – Another well-publicized destination but in my opinion, it does not deserve a more than 15-minute visit, or rather, it does not deserve a detour along the itinerary. Yes, there is the peculiarity of the rocks that almost swallow the houses, but it really is two 30-meter narrow streets, including bars and shops. Boring
  • Frigiliana – Another destination often mentioned and recommended for the area around Malaga, but to me insignificant. A small fortieth tourist village that has nothing but a dotted street and many tourist bars. Anonimous.
  • Malaga – I knew it already and it was just a confirmation. A brutal city and invaded by buildings that take the breath away from the sea.
  • Torre Vieja – We just stopped here for a break. Mamma mia! what an horror, a flashy example of urban rape, with the coast overwhelmed by imposing and ugly buildings. How to kill the sea.
  • The espresso, from Cadiz to Malaga, is it long and served in a glass. Not the italian way. No No No
  • Seville – The torture, aka “La Corrida”. The bulls fight. On this subject, I’ll write a separate article because no, there can not be so much brutality at the service of the show.

Setenil de la Bodegas

Ronda

Conclusions

By eliminating any useless premise, I immediately tell you that my final judgment is YES, I like it! Andalusia is a truly wonderful land, full of life and character, fun and easy to explore. It has a lot to live and to see, not only for Moorish architecture and breathtaking scenery.

Andalusia is to live intensely in the warmth and smiles of its inhabitants, in the slow and peaceful life of its Pueblos Blanco, in the intense sunlight and in its hot evenings between tapas and cervezas

Is it enough for 10 days?

For a first taste, of course, yes, in Andalusia, the days live longer as in the summer season there’s sunlight until more than 22. The first thing I thought when I came back to my daily life in Luxembourg is that here, we live only half of our lives.

In Andalucia you will never say “it’s too late” as we always say here, where everything ends and goes off after the 18th. You’ll maybe say “it’s too soon”, because everything starts from 10 onwards …

But 10 days are not enough to see everything calmly because this region really offers a lot, each city has so much history and wonderful architectures of Muslim or Christian heritage. Just the desert of Tabernas deserves a separate trip, especially for photographers like me, or for those who simply love trekking and wild excursions.

Finally, for me, Andalucia is definitely a place to live, Seville or Cadiz, who knows, perhaps in the near future!!!

 

Muchas Gracias, Andalusia!

Sabino

10 days in Andalusia, with a Leica SL and…

There it is, like a night before the exams, the eve of a departure is always rich in adrenaline for me. The questions are always the same: what do I put into my bag? Or, worse, which bag I choose for this trip ….?

Not happy, I’ve added another relevant change to a few hours from this trip, a new camera, the Leica SL. Now, I just have a few hours, an evening, to learn how to use it, to understand where all the various commands are. A small risk that I take with pleasure because the journey on the road in Andalusia is a perfect opportunity to see it seriously at work.

Let’s start from the itinerary

Everything starts from Alicante, southern Spain. From there, with a rental car (Hertz), we will cross the Andalusian region by going through the Tabernas desert, Sierra Nevada, Granada, Córdoba, Sevilla, Cadiz and Malaga. My reference guide, like any trip, is the Lonely Planet, always helpful and full of good advice. In this wonderful region, there is so much to photograph, I have to skip something, but I prefer to have a travel pace not too tight and stressful. In planning, in fact, I’ve been able to set a stay of two nights in each place.

I did not read too much about what to see, because I prefer to make me surprise and guide you from the sensations of the moment, so I already know that every place will turn him long and wide.

What kind of photography do I want to get?

Before choosing the tools, it is very important to have a good idea of what are you going to see and, above all, what you want to photograph. Unfortunately, the temptation is always that of wanting to bring all the best gears with you, but for a journey on the road, with an average temperature close to 40 degrees, It is better to be lightweight and have everything under control rather than losing pieces along the way.

As far as I’m concerned, on this trip, I expect of doing many landscapes and street photos. Converted to focal lengths, it means I probably need 3 to 4 lenses, considering I do not use the zoom lenses. The telelenses, in my case 90mm or 135mm, probably will be the least used ones.

Which bag?

The choice of the bag is crucial for a trip where I plan on moving very much on foot and under a burning sun. Choosing a wrong bag, uncomfortable, can adversely affect photography as well as the vacation. It is very important for me to feel comfortable and the bag must not contain too many things and too many pockets.

Access to what is needed must be fast and easy.

For a few years, I always use the “messenger” model because it is what gives me more freedom in the movements while looking also elegant. The Sling model, for example, I excludes a priori because, in such a hot place, having the shoulder always covered would make me sweat a lot. Said so, here are my three bags, two Ona and one Lowepro, one in leather and the other in canvas.

Lowepro is the most spacious and complete, black and canvas material, is the least elegant of the three. It’s also very deep. This bag is mostly used in those situations or journeys where I do hiking or need to carry more gears. For this journey, it’s too much in everything.

Ona bags are much more comfortable and elegant and allow me to also go out in the evening without really looking like a photographer, so I prefer them. Between the two, the one on the right, the Brixton model, is more spacious but a bit too rigid, which makes the inner pockets practically unusable.

In the end, the choice fell on my favorite, albeit small but soft, compact and very elegant, the Leather Prince Street. Traveling with this bag is really a pleasure, but it can only contain a small camera, certainly not a reflex.

it’s pretty damn beautiful

Which camera?

Here the doubts have fallen almost immediately. I would have liked to bring them both, but I want to be focused on the newcomer, the Leica SL, so to better discover it and try it out the best. It will not be a long journey so I do not want to have too much material to handle. For this time, let the Leica M 262 rest at home.

Which lens?

With my new Leica SL, I can finally use all of the M42 lenses I’ve bought in the various vintage markets. Unfortunately, however, I had no time to test all of them, so to be on the safe side, I’ll take the M lenses:

  • The Voigtlander Skopar 21mm f4 – landscapes
  • The Summicron 28mm f2 ASPH – Street
  • The Summicron 50mm f2 – close up and portraits
  • The Tele-Elmarit 90mm – close up and portraits

What accessories to complete?

And here’s the rest of the accessories that complete my travel photo bag. In the picture above ther is also a Pentacon 135mm f2.8 which I then decided to leave home. (post edit: just couple of seconds before leaving, I dropped this lens in the bag! And ways an incredible great decision!!! )

  • Tripod (this is off the bag)
  • 5 batteries
  • A power bank for my iPhone
  • Shoulder strap
  • Cleaning kit (air blower, cloth, brush)
  • Leica M / Leica SL  – Leica M42 / Leica SL Adapters
  • Small Moleskin
  • 4 SD cards
  • A selfie stick
  • The faithful Lonely Planet

The battery charger stays in the suitcase.

Now let’s put everything in the bag

As you can see from the pictures above, everything fits in the bag without big problems. Considering that the camera will always be in my hands, in the end, I will even have room to put a bottle of water while I’m around.

Conclusions

It was not easy, but hopefully, I managed to really only get the essentials gears without overloading the bag. The rest of the job will be done by my heart and my eyes, hoping for another unforgettable journey full of beautiful photographs.

A presto,
Sabino

Il mio Blog nella classifica Top100 Travel Photography blog nel mondo!!!

Wow, una bella notizia ha aperto la mia giornata: il mio blog, MorningCoffee.photo, è stato inserito in una classifica dei Top 100 Travel Photography Blog nel mondo! Da non crederci!! Beh, forse è un pò troppo, ma comunque, prendo e porto a casa, come si dice … 🙂

Questa Top 100, pubblicata da Feedspot.com, un aggregatore di blog e notizie RSS, è basata sull’analisi di dati provenienti da diverse fonti online, social media e reputazione.

I blog sono stati votati secondi i seguenti criteri

  • Reputazione e posizionamento (rank) su Google
  • Influenza e popolarità su Facebook, Twitter e altri social media
  • Qualità e consistenza degli articoli
  • Giudizio e review del team di esperti di Feedspot

L’articolo completo potete leggerlo qui:

Top 100 Travel Photography Blogs and Websites for Travel Photographers

E adesso qual è ilprossimo passo?

Se considero che ho lanciato questo blog meno di un anno fa, questo riconoscimento è gia un risultato straordinario e inaspettato per me. Un premio che mi da ulteriore spinta e motivazioni a continuare su questa strada ed a migliorarmi. La fotografia di viaggio e le storie ad essa collegate, sono la mia vera passione, oltre che ormai un lavoro e il mio obbiettivo è di riempire questo spazio con tanti contenuti interessanti e piacevoli. Ma non potrà mai essere un successo senza lettori e followers, per cui il mio primo grazie va a chi mi legge costantemente e a chi apprezza le mie foto e le mie storie. Quindi un grande GRAZIE a voi. lettori!

Ci saranno tanti nuovi articoli nei prossimi giorni, storie e foto dal mio recente viaggio in Andalusia, perciò continuate a seguirmi e non esitate a condividerne i contenuti.

Grazie a tutti,
Sabino

 

 

 

 

 

10 Giorni in Andalusia, con la Leica SL e…

Ci siamo, come una notte prima degli esami, la vigilia di una partenza è sempre ricca di adrenalina per me. Le domande sono sempre le stesse: cosa metto nella borsa? O, peggio, quale borsa scelgo per questo viaggio….?

Non contento ho inserito un’altra grossa variabile a poche ore da questo viaggio, una nuova macchina fotografica, la Leica SL. Ecco, adesso ho solo poche ore, una serata, per imparare a utilizzarla, capire dove sono tutti i vari comandi. Un piccolo rischio che mi prendo volentieri, perchè il viaggio on the road in Andalusia, è una occasione perfetta per vederla seriamente all’opera.

Partiamo dal viaggio, l’Itinerario.

Tutto comincia da Alicante, sud della Spagna. Da li, con macchina a noleggio (Hertz), attraverseremo la regione andalusa facendo tappa nella Sierra Nevada, Granada, Cordova, Siviglia, Cadice e Malaga. La mia guida di riferimento, come ogni viaggio, è la Lonely Planet, sempre utile e ricca di buoni consigli. In questa splendida regione c’è tanto da vedere, dovrò per forza rinunciare a qualcosa, ma preferisco avere un ritmo di viaggio non troppo serrato e stressante. Nella pianificazione, infatti, ho fatto in modo di restare due notti in ogni posto.

Non ho letto troppo su cosa vedere, perchè preferisco farmi sorprendere e guidare dalle sensazioni del momento, tanto so già che ogni luogo lo girerò in lungo e in largo.

Che tipo di fotografia voglio fare

Prima di scegliere gli strumenti, è molto importante avere bene in testa cosa ci aspetta e soprattutto cosa si vuole fotografare. Purtroppo la tentazione è sempre quella di voler portare tutto il meglio con se, ma in un viaggio on the road, con una temperatura media vicino ai 40 gradi, preferisco essere leggero e soprattutto avere tutto sotto controllo, piuttosto che perdere pezzi lungo la strada.

Per quel che mi riguarda, in questo viaggio penso di fare parecchi paesaggi e tanta foto di strada. Convertito in lunghezze focali, significa che probabilmente mi bastano 3-4 lenti, considerando che non utilizzo zoom. Il tele, nel mio caso 90mm o 135mm, penso sarà la focale meno utilizzata.

Quale borsa

La scelta della borsa è cruciale in un viaggio in cui prevedo di percorrere tanta strada a piedi e sotto un sole cocente. Scegliere una borsa sbagliata, scomoda, può condizionare negativamente la fotografia, oltre che la vacanza. É per me importantissimo sentirmi comodo e confortevole e non deve contenere troppe cose e troppe tasche. L’accesso a quello che serve deve essere veloce e facile.

Da un pò di anni, utilizzo sempre il modelo “messenger” perchè è quello che mi lascia piu’ libertà nei movimenti restando anche elegante. Il modello Sling, per esempio, lo escludo a priori perchè, in un posto così caldo, avere la spalla sempre coperta mi farebbe sudare tantissimo. Ecco dunque le mie tre borse, due Ona e una Lowepro, una in pelle e le altre in tela.

La Lowepro è la più spaziosa e completa, nera e in tela, è la meno elegante delle tre. È anche molto profonda. Questa borsa la uso perlopiù in quelle situazioni o viaggi dove ho bisogno di trasportare più attrezzatura, o nei viaggi più lunghi ed impegnativi. Per questo viaggio, è troppo in tutto.

Le borse Ona, sono molto piu eleganti e mi permettono di uscire di sera senza per forza sembrare un fotografo, per questo le preferisco. Tra le due, quella a destra, modello Brixton, è più spaziosa ma un pò troppo rigida, cosa che rende i taschini interni praticamente inutilizzabili.

Alla fine, la scelta è caduta sulla mia preferita, seppur piccola, ma morbida, compatta e molto elegante. La Ona Leather Prince Street. Viaggiare con questa borsa è davvero un piacere, ma può contenere solo una macchina piccola, non certo una reflex. Ma è dannatamente bella e la scelta dell’attrezzatura da portare, questa volta, l’ho fatta anche in relazione alla borsa scelta.

Quale macchina fotografica

Qui i dubbi sono caduti quasi subito. Mi sarebbe piaciuto portarle entrambe, ma voglio concentrarmi sulla nuova arrivata, la Leica SL, per conoscerla e provarla al meglio. Non sarà un viaggio lungo e quindi non voglio avere troppo materiale da gestire. Per questa volta, lascio a riposo la Leica M 262.

Quale lente?

Con la mia nuova Leica SL, posso finalmente utilizzare tutte le lenti M42 che ho comprato nei vari mercatini dell’usato. Purtroppo però, non ho avuto temo di provarle, per cui andrò sul sicuro con le lenti Leica M:

  • Il Voigtlander Skopar 21mm f4 – Per paesaggi
  • Il Summicron 28mm f2 ASPH – Street
  • Il Summicron 50mm f2 – dettagli e ritratti
  • Il Tele-Elmarit 90mm – dettagli e ritratti

Quali accessori per completare?

Ed ecco il resto degli accessori che completano la mia borsa fotografica. In questa foto c’è anche un Pentacon 135mm che ho poi deciso di lasciare a casa.

  • Cavalletto (questo sta fuori dalla borsa)
  • 5 batterie
  • Un power bank per il mio iPhone
  • Tracolla
  • Kit pulizia (pompetta, panno, pennellini)
  • Adattatori Leica M/Leica SL – Leica M42/LeicaSL
  • Piccolo Moleskin
  • 4 schede SD
  • Un selfie stick
  • La fedele Lonely Planet

Il carica batterie, resta in valigia.

Ora mettiamo tutto in borsa

Come si può vedere dalle foto, tutto entra senza grossi problemi. Considerando che la macchina sarà sempre fuori, alla fine avrò anche spazio per mettere magari una bottiglia d’acqua mentre sono in giro.

Conclusioni

Non è stato facile, ma alla fine sono riuscito a prendere davvero solo l’essenziale senza caricarmi di troppo materiale. Il resto poi, lo faranno il cuore e gli occhi, sperando in un altro viaggio indimenticabile e ricco di belle fotografie.

A presto,
Sabino

That is my choice: Leica SL

After several weeks of dubbing, googling, reading reviews and watching videos on YouTube, it was enough to have an advice from a very good friend of me, Ryu from Newoldcamera to illuminate the way to choosing the right camera to pair with my Leica M. As already mentioned in the recent post (HERE), I came to the conclusion that the Leica M with the Summicron 28mm ASPH f2 is the perfect camera for the street photos, while I needed a professional body for all those commercial shots, such as the still life of products and food, studio portraits and landscapes. In addition, I was in great need of a system that would allow me to adapt third-party or vintage lenses, having so many at home, and having wi-fi transmission of photos directly to a mobile device, phone or tablet.

And so let me now welcome this wonderful jewel, Leica SL, the highly discussed professional mirrorless camera from Wetzlar.

Why Leica and not Sony

To be honest, I had never considered Leica SL as a choice, perhaps because there is not so much hype about it, (also because is already 2 years on the market) but I was more inclined to the Leica M10, eventually.
Then for several weeks, I was investigating about the Sony Alpha 7II or 7RII, thinking it was the best solution on the market. And I was almost convinced to go to for the new Sony Alpha 9, the latest release and, apparently, according to the reviews, a technology perfection.
But something within me has always made me desist, and this is something inside the Leica world and its extraordinary quality and stability., no matter what camera model is. I have to admit, I’ve never used Sony, so mine are only assumptions and I can easily make a mistake in my judgments, but the last thing I’m looking for is a trandy camera full of buttons, ultra-advanced features, ultra-fast raffle and, above all, full of marketing arguments.

But, the aspect that more than any other, keeps me attached to the Leica system, is the quality and performance of its files. I do not know how to explain it, but the three-dimensionality of the images, combined with the beauty of the out of focus plans, I’ve never found something so perfect in the systems I used in the past.

Leica makes me feel safe and serene. Yes, It cost so much, of course, but worth every penny you invest on it, believe me.

Leica, an essential system. Let’s only focus on pure photography

Finally, I adore the essence and minimalism of Leica bodies, as I adore the Apple style, where they are very similar. As I’ve said so many times in the past,

With the Leica I can concentrate only on photography, the camera becomes a beautiful and functional extension of my body, without being a bulky protagonist.

The Leica SL is a jewel of design, a unique, clean body, without any labels on those few buttons. No distraction, just the essential.

My first impression

Frankly speaking, this time I completely trusted the advice of my friend Ryu from N.O.C., without ever having tried this camera. I expected to be much bigger and more clumsy in some way, but the grip in the hands is great and pleasant, as well as very stable. The body is also very thin, being a mirrorless, so it does not clutter more than so.

Of course, I espect to find some defects, but I cannot tell you of any, for the moment. I did not have time to try it yet, I gave a quick look at the 4.4Mpx viewfinder and quickly used the touch screen, and everything seems perfect to me.

The real stress test, from tomorrow, in Andalusia.

Now I just have to try it and luckily, from tomorrow I will be on a road trip to Andalusia, for 10 days, so that is a perfect opportunity. I have no native Sl lenses so I will use my Leica M lenses and maybe M42 lenses, thanks to the adapters.

The only problem is that I only have one night to get in touch with the car and understand how it works.

So, keep following me as in the next 10 there will be a lot of new pictures and cool stories to tell.

A presto,
Sabino

Ecco la mia scelta: Leica SL

Dopo diverse settimane di dubbi, ricerche, recensioni lette e video guardati su YouTube, è bastato il consiglio di un carissimo quanto espertissimo amico Ryu di Newoldcamera ad illuminarmi la via sulla scelta della macchina da affiancare alla mia Leica M. Come gia anticipato nel recente post (QUI), ero giunto alla conclusione che la Leica M con il Summicron 28mm ASPH f2, fosse la macchina perfetta per la foto di strada, mentre avevo bisogno di un corpo professionale per tutti quegli scatti piu’ commerciali, come lo still life di prodotti e food, ritratti in studio e paesaggi. Inoltre, avevo fortemente bisogno di un sistema che mi permettesse di adattare lenti di terze parti o vintage, avendone gia tante a casa, e che avesse la trasmissione wi-fi delle foto direttamente sul un dispositivo mobile, telefono o tablet.

Ed è cosi’ che ora do il benvenuto a questo splendido gioiellino, la Leica SL, la tanto discussa mirrorless professionale di casa Wetzlar.

 

Perchè Leica e non Sony

Non avevo mai considerato la Leica SL come scelta, forse perchè non se ne parla tanto in giro, ma ero piu’ orientato sulla Leica M10.
Poi per diverse settimane mi sono informato sulla Sony Alpha 7II o 7RII, pensando fosse la migliore soluzione sul mercato. Negli ultimi giorni ero quasi convinto di andare sull Sony Alpha 9, l’ultima uscita e, apparentemente, secondo le recensioni, vicina alla perfezione tecnologica.
Ma, qualcosa dentro di me mi ha fatto sempre desistere, e questo qualcosa è all’interno del mondo Leica e della sua straordinaria qualità e stabilità. Non ho mai utilizzato Sony, e quindi potri anche sbagliarmi nei giudizi, ma l’ultima cosa che cerco, è una macchina piena zeppa di pulsanti, funzioni ultra avanzate, raffiche ultra veloci e, soprattutto, tanto marketing.

Ma, l’aspetto che piu’ di ogni altro, mi tiene attaccato al sistema leica, è la qualità e la resa dei suoi file. Non so come spiegarlo, ma la tridimensionalità delle immagini, unita alla bellezza dei piani fuori fuoco, non l’ho ritrovata in nessuno nei sistemi che ho utilizzato in passato.

Ecco, Leica mi fa sentire sicuro e sereno. Costa tanto, certo, ma vale ogni centesimo speso, credetemi.

Leica, un sistema essenziale. Qui si parla solo di fotografia

Infine, adoro l’essenzialità  e il minimalismo dei corpi Leica, come adoro lo stile Apple, in cui sono molto simili. Come gia detto tante volte in passato,

con la Leica riesco a concentrarmi solo sulla fotografia, la macchina diventa una splendida estensione del corpo, senza esserne una ingombrante protagonista.

La Leica SL è un gioiello di design, un corpo unico, pulitissimo, addiritture senza alcuna scritta su quei pochi pulsanti. Nessuna distrazione, solo l’essenziale, appunto.

La mia prima impressione.

Devo essere sincero, questa volta mi sono fidato completamente del consiglio del mio amico Ryu di NOC, senza avere mai provato dal vivo questa macchina. Me l’aspettavo molto piu’ grossa e goffa in qualche modo, invece la presa tra le mani è fantastica e piacevole, oltre che molto stabile. Il corpo è anche molto sottile, essendo una mirrorless, è quindi non ingombra piu’ di tanto.

Non ho avuto ancora il tempo di provarla, ho dato uno sguardo veloce nel mirino da 4.4Mpx ed utilizzato velocemente il touch screen, e tutto mi sembra perfetto.

 

La prova sul campo, in Andalusia.

Ora non mi resta che provarla e fortuna vuole che gia da domani sono in un road trip in Andalusia e quindi l’occasione è perfetta. Non avendo lenti native SL, utilizzerò le mie lenti Leica M e qualche lente M42, grazie all’adattatore dedicato.
L’unico problema è che ho solo una sera per entrare in confidenza con la macchina e capire come funziona.

Seguitemi nei prossimi 10 giorni perchè ci saranno tante foto di viaggio e nuove storie da raccontare.

A presto,
Sabino